Guardare e vedere non sono la stessa cosa

Guardare e vedere non sono la stessa cosa.

 

Potremmo dire che guardare è un po’ come accarezzare qualcosa con gli occhi, mentre vedere significa percepirlo con maggiore intensità.

Ma cos’è che attira il nostro sguardo?

Forma, colore, movimento.

Dissertare su ciò che sia oggettivamente bello è, in questo contesto, inutile.

Ciò che attrae soggettivamente e crea un desiderio, un legame, è decisamente più interessante.

Nel progettare un capo d’abbigliamento ci si avvale sicuramente del proprio gusto, della conoscenza tecnica necessaria per la sua realizzazione e di una sorta d’intuito su quello che potrebbe risultare piacevole da indossare e da guardare.

Ma anche da vedere.

Perché un abito potrebbe sembrare gradevole, magari ben fatto ad un primo sguardo ma, esaminato con maggiore cura, rivelarsi sciatto nei dettagli, povero nei materiali, discutibile nelle forme.

Dunque, se voglio realizzare qualcosa che superi un esame più approfondito, devo vederne l’essenza, arrivare ad immaginarne la storia, la possibilità d’utilizzo, la complementarità.

Esagerato?

No.

Si parte da un’idea, una specie di bozza galleggiante nella testa.

Poi si realizza un modello, un facsimile cartaceo di quello che dovrebbe essere il capo finito.

Se convince, allora si va alla ricerca della stoffa che potrebbe incarnare quell’idea, renderla concreta.

Rotoli di tessuto

Trama, ordito, colore, fantasia.

Morbidezza, tenuta, carattere.

Una volta trovata la stoffa giusta si passa al taglio, alla plissettatura e infine al montaggio delle parti, come tanti spezzoni di un film.

Sarà un capolavoro, un classico, un cult, un flop?

Per pochi o popolare? Semplice o complicato?

La moda ci ha abituato ad eccessi, stravaganze, minimalismi estremi o ridondanze barocche.

Alcuni capi sartoriali di alto livello sono ormai considerati opere d’arte che hanno modificato, segnato e plasmato il gusto e la storia della società.

YSL Mondrian day dress, 1965

Il concetto di “effimero” in relazione al costume è stato sostituito da quello (molto più trendy) di impermanente, in transito, in continuo cambiamento ma non per questo privo d’importanza.

Tutto è moda e tutto scorre ma qualcosa resta comunque nella storia per sempre.

Basta saper guardare… e vedere.

 

 

 

 

 

Fonte immagine in evidenza https://www.freewebheaders.com/wordpress/wp-content/cache/page_enhanced/www.freewebheaders.com//abstract/natural-abstract-headers//_index.html_gzip

1 – Fonte immagine https://pixabay.com/it/gli-occhi-sguardo-occhio-cerca-260571/

2 – Fonte immagine http://www.styledesign.it/tag/campionario-di-tessuti/

3 – Fonte immagine http://wallpapercave.com/abstract-butterfly-wallpaper

4 – Fonte immagine http://www.dazeddigital.com/fashion/article/25429/1/how-yves-saint-laurent-changed-fashion

Please follow and like us:

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *